Come riconoscere un cosmetico naturale? Analizziamo l’INCI !

Un consumatore esigente richiede sempre più spesso che un cosmetico rispecchi i requisiti di “naturalità”. Generalmente i cosmetici naturali contengono ingredienti di origine vegetale mentre non prevedono sostanze come siliconi, petrolati, oli minerali, polimeri e conservanti di sintesi. Ma come facciamo ad andare a fondo nella lista di ingredienti? L’analisi degli ingredienti o meglio della INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) non è proprio di dominio pubblico ma rimane sempre la risposta ai nostri interrogativi.

In questo articolo vi diamo qualche consiglio per saper leggere un’etichetta di un prodotto cosmetico specie se vogliamo distinguere un prodotto tradizionale da uno naturale o ancora di più biologico. Perciò vi proponiamo uno stralcio di un’interessante intervista propostaci dalla cosmetologa Mara Alvaro di Cosmesidoc in cui chiariamo alcuni quesiti importanti:

Quali sono le indicazioni utili in etichetta che consentono di capire se un cosmetico contiene sostanze di origine naturale o meno?

Tutti gli ingredienti naturali (cere, oli vegetali, estratti botanici, oli essenziali) sono descritti con il nome scientifico in latino e dalla dicitura inglese tra parentesi: per esempio Citrus medica limonum (Lemon) Peel Oil rappresenta l’olio essenziale di Limone così come gli oli vegetali più diffusi sono facilmente riconoscibili soprattutto dal nome inglese per es. Almond, Jojoba, Avocado, Sunflower etc.
I prodotti strutturali di un cosmetico (tensioattivi, emulsionanti, etc) di derivazione naturale sono descritti generalmente da elementi che rimandano ai prodotti naturali da cui provengono (per es. coco-glucoside derivati tra glucosio e olio di cocco, glyceryl stearate citrate: derivati glicerici tra acido stearico e citrico ecc).
I tensioattivi di derivazione petrolchimica invece, sono per esempio i famosi SLES e SLS cioè prodotti solfati come il Sodium laureth sulfate (riconoscibile dal suffisso –eth che indica una reazione chimica di etossilazione) o non etossilati come Sodium lauryl sulfate.
I modificatori reologici di origine naturale più comuni sono gomme xantane, carragenine, cellulose di derivazione naturale, identificabili in INCI dalle diciture Xanthan gum, Carrageenan, Cellulose e così via, che sostituiscono i più diversi polimeri a base di acrilati come acrylates copolymer usati in formulazioni non naturali.
Negli shampoo, bagnoschiuma e detergenti green sono assenti i siliconi identificabili da diciture in INCI dai suffissi -thicone, -xiloxane, per esempio cyclopentasiloxane, dimethicone. Ingredienti di origine da petrolati come oli minerali, paraffina (paraffinum liquidum) sono assenti nella cosmesi naturale e non dovrebbero essere presenti in formulazioni green.
Conservanti di sintesi, cessori di formaldeide (per es. Methylisothiazolinone, Imidazolidinyl urea) e parabeni (Methylparaben e simili) dovrebbero generalmente assenti nelle formule cosmetiche naturali, dove invece sono utilizzati conservanti come Potassium Sorbate e Sodium Benzoate, Benzyl Alcohol: prodotti di sintesi, ma ammessi dagli enti certificatori del prodotto biologico e naturale.
Molti ingredienti possono inoltre avere una derivazione sia sintetica che naturale. La presenza in formula di un derivato di origine naturale può essere accuratamente evidenziata in INCI poiché ottenute con metodiche di produzione più green. Si noti la dicitura pentylene glycol di origine naturale.

A volte in etichetta si legge “Cosmetico 100% naturale”. È possibile avere un cosmetico con tali caratteristiche?

I cosmetici naturali sono miscele complesse di materie prime naturali in genere rielaborate, ma pochi prodotti possono realmente essere formulati al 100% con ingredienti interamente vegetali se si escludono alcuni oli da massaggio e oli per il corpo. Ma la cosmesi naturale non si ferma agli oli! Le diverse tipologie di cosmetici naturali includono creme, lozioni, gel, sieri e detergenti.
Gran parte delle materie prime strutturali di questi prodotti (per es. emulsionanti, tensioattivi, modificatori reologici, ecc.) sono sostanze ottenute da modificazione fisica o chimica. Le normative europee in materia di produzioni cosmetiche naturali ammettono una serie di ingredienti che hanno diverse specifiche in termini di “naturalità”. Distinguiamo per brevità tre classi di ingredienti ammessi nella cosmesi naturale:
1) Gli ingredienti naturali sono sostanze di origine vegetale, inorganica e le loro miscele ottenute e lavorate con procedure di estrazione fisica.
2) Sostanze natural-identiche che si ritrovano in Natura, ma sintetizzate con semplici metodi di trasformazione.
3) Le sostanze natural-simili di derivazione naturale sono modificate con processi chimici che non lasciano scarti e contaminanti tossici.
Tutti i prodotti cosmetici (non solo quelli naturali) sono conformi alle normative europee. L’associazione nazionale delle imprese cosmetiche Cosmetica Italia, fornisce informazioni utili per una tutela della salute dei consumatori. Inoltre, il sito ABC cosmetici – sviluppato per una maggiore consapevolezza del mondo della cosmesi – fornisce utili informazioni a riguardo e lo caldeggiamo spesso in caso di dubbi o domande.

A titolo di esempio qui viene analizzata l’INCI della nostra crema corpo SiluÈ che è tra i nostri cosmetici formulati con i più alti requisiti di naturalità e ne evidenziamo i gruppi di ingredienti naturali.

Quali sono i vantaggi nell’utilizzo di un cosmetico naturale? Qual è il valore aggiunto rispetto ai cosmetici non naturali?

La sfida più vincolante nella produzione di cosmetici naturali è la scelta delle materie prime che soddisfino i requisiti di naturalità appena descritti con l’obiettivo di poter offrire prodotti di ottima qualità, efficaci, sicuri e che siano soddisfacenti dal punto di vista sensoriale.

La scelta di prodotti giusti per la pelle è molto importante dato l’uso considerevole di cosmetici e detergenti che facciamo ogni giorno. Generalmente si stima che tra tutti i prodotti di beauty care e make-up ogni persona utilizzi in media 10 prodotti diversi nell’arco della giornata.
Se consideriamo l’elevata capacità di assorbimento della nostra pelle – l’organo più esteso del nostro corpo – non è difficile capire che un contatto prolungato negli anni a contaminanti e sensibilizzanti esterni negli anni debba essere per lo meno limitato. Essere attenti e consapevoli su ciò che si acquista per evitare di entrare in contatto con sostanze chimiche potenzialmente dannose e nocive, come ad esempio i parabeni e petrolati, può fare la differenza! Inoltre, la cosmesi naturale utilizza ingredienti di derivazione vegetale e inorganica e limita al minimo l’eventualità di essere a contatto con inquinanti e contaminanti tossici visti i processi chimici eco-sostenibili con cui sono fabbricati!
Uno dei valori aggiunti rispetto alla cosmesi classica risiede nel fatto che la scelta di un cosmetico naturale risponde ad una maggiore sensibilità e consapevolezza etica nei confronti delle tematiche ambientali.

Nuovo Showroom di BeC a Forlì

Avete fatto un giro nel nuovo Showroom di BeC Natura? Siamo a Forlì a due passi dalla nostra azienda! È la sede della nostra Academy dove teniamo corsi di formazione e faremo conoscere le metodologie estetiche. Uno spazio di incontro tra i clienti, rivenditori e consulenti BeC.

Vieni a trovarci a Forlì in Viale Roma, 274

Telefono 0543 – 473348

Controlla gli orari di apertura sulla nostra Pagina Facebook qui

 

Sfoglia la galleria qui

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

BeC riceve il premio VALU-CERT per la linea ecobio Terra Biocare

img_3075Il 25 novembre 2016, presso la Mostra d’Oltremare a Napoli nell’ambito del IX PHARMEXPO, – la manifestazione dedicata all’industria farmaceutica e ai prodotti della salute – si è svolta la cerimonia di consegna dei Premi FARMAFFARI XII edizione 2016 alle aziende che si sono distinte per la comunicazione del proprio marchio e del Premio “VALU-CERT: il valore della certificazione” riservato alle aziende certificate nella cosmesi ecobio che meglio comunicano ai propri clienti l’importanza di essere certificati. Nato nel 2005, il Premio Marketing FARMAFFARI, premia i migliori messaggi pubblicitari nel settore della salute e gode di numerosi ed importanti patrocini, tra cui AEREC – Accademia Europea per le Relazioni Economiche e Culturali, ASSOGENERICI, ENPAF, UNICOM, AIMF, ANCTF, FEDERLAZIO. Il convegno organizzato dallo Studio SviMM a cura del Dr Mariano Marotta (direttore dello Studio SviMM – Sviluppo e Marketing) ha mostrato la tendenza delle aziende cosmetiche ad acquisire certificazioni volte a testimoniare un particolare impegno per il rispetto del consumatore e dell’ambiente.

Come azienda impegnata nella cosmesi ecobio, BeC ha ricevuto il premio “VALU-CERT: il valore della certificazione” per essersi impegnata attivamente nella divulgazione dell’importanza della certificazione Ecocert scelta per la propria linea di cosmetici ecobio Terra Biocare”. A ritirare il premio la nostra Dr.ssa Oriana Chinni, responsabile della R&D cosmesi, a cui è stata donata anche una litografia del Maestro Massimo Pennacchini e il volume “L’esperto in affari regolatori”.

img_2382La missione ecobio di BeC  prosegue con Terra Biocare:

In BeC abbiamo scelto di affidare la certificazione dei nostri prodotti biologici Terra biocare ad Ecocert Greenlife, un organismo internazionale che si occupa di promuovere e sviluppare un’agricoltura rispettosa dell’ambiente.
I principi di base dello standard Ecocert prevedono che il prodotto cosmetico “amico dell’ambiente” utilizzi ingredienti provenienti da fonti rinnovabili e sia prodotto con processi eco-compatibili. I requisiti di base per i cosmetici approvati dal disciplinare Ecocert sono l’assenza di OGM (organismi geneticamente modificati), di conservanti di sintesi, di nanoparticelle,  siliconi, polimeri PEG, profumi sintetici e coloranti oltre ad ingredienti di origine animale. L’etichetta ORGANIC COSMETICS di Ecocert sui nostri cosmetici Terra biocare assicura che il prodotto cosmetico contenga almeno il 95 % di ingredienti di origine naturale; inoltre, almeno il 95% di tutto ciò che è di origine vegetale (e comunque non meno del 10% del totale) provenga da agricoltura biologica. Terra biocare: prodotti efficaci e rispettosi dell’ambiente in una simbiosi armonica tra uomo e ambiente.

Menta e mentolo: come funzionano gli ingredienti della freschezza!

mentoloIl mentolo è uno dei componenti maggioritari dell’olio essenziale di menta:  è stato usato in terapia di patologie respiratorie per dare sollievo all’irritazione delle vie aeree conferendo una piacevole sensazione di freschezza. Per tali motivi è stato incluso in alcuni medicinali over–the–counter. Solo l’olio essenziale di menta piperita (Mentha  piperita L.) viene descritto nella 8a Farmacopea Europea nonostante vengano usate diverse specie di Menta nella medicina tradizionale. Numerosi sono gli effetti benefici dei biocomponenti della Menta utilizzati a scopo cosmetico, nutraceutico o farmaceutico. La diffusione maggiore dell’olio essenziale di Menta si ritrova nei prodotti di igiene orale (dentifrici, collutori)  grazie alle proprietà antisettiche dei componenti della menta e soprattutto grazie alla sensazione dei freschezza e alito fresco che produce.

Ma quali sono gli ingredienti della freschezza delle varie specie di menta?

In tabella mostriamo una classificazione degli oli essenziali della diverse specie di Menta con i relativi componenti maggioritari a cui corrispondono note olfattive e, di conseguenza, proprietà biologiche differenti.

Tabella. Componenti maggioritari dell’olio essenziale di diverse specie di menta.[1]

Olio essenziale Specie di Menta Componenti maggioritari
Menta piperita Peppermint M.  piperita Mentolo, mentone
Mentastro verde,

Mentastro verde scozzese

Spearmint M. spicata,

M.  viloso-nervata,

M.  gentilis nm. cardiaca

carvone, diidrocarvone
Menta selvatica Cornmint M. arvensis var. piperascens mentolo
Menta poleggio Pennyroyal M. pulegium pulegone
Menta bergamotto Citrata M. citrata linalolo, linalil acetato

Il mentolo. Come funziona?

Comunemente, la Mentha piperita rappresenta la specie più usata nei prodotti per la salute per l’elevato titolo in mentolo (30%) e mentone (20%). In particolare, il mentolo esplica una sensazione di freschezza non solo sulla pelle e sulle mucose perché interagisce con recettori sensibili alla temperatura o termocettori (p. es.: TRPM8, transient receptor potential ion channels) la cui attivazione determina un effetto rinfrescante quando il mentolo è applicato sulla pelle oppure quando viene inalato. Perciò l’attivazione dei recettori del freddo porta a numerosi effetti positivi:

  1. aumenta la sensazione di pervietà delle vie aeree (flusso nasale),
  2. riduce la sensazione di disturbo respiratorio o dispnea,
  3. risulta anti-tussivo a basse concentrazioni.

Queste interessanti proprietà sono utili in caso di malanni di stagione, raffreddore, congestione nasale accompagnata da tosse. Alcuni studi includono anche l’uso di olio di Eucalipto il cui componente maggioritario è 1,8-cineolo che ha dimostrato importanti attività antitussive analoghe al mentolo.[2] Il mentolo aiuta a liberare il tratto respiratorio agendo come espettorante: dona un sollievo temporaneo a livello delle alte vie respiratorie e allevia i sintomi di congestione nasale, sinusite, raffreddore e tosse.  Numerosi balsami espettoranti hanno un buon contenuto in olio di menta e/o mentolo, quando applicati direttamente sul petto esplicano l’azione decongestionante respiratoria.

DSC_0275_lowIl Balsamo BeC, ricchissimo in componenti tipicamente balsamici e terpenici come il mentolo, la canfora, l’olio essenziale di Eucalipto, Wintergreen e Menta trova un’applicazione favorevole nell’alleviare i sintomi di congestione nasale se massaggiato delicatamente sul petto. Anche la miscela balsamica Sinergia S.A. di BeC, usata in fumigazione o in apparecchi aerosol rappresenta un valido aiuto decongestionante per l’elevato titolo di olio essenziale di menta insieme al mentolo puro per una sinergica azione calmante della tosse. La miscela balsamica di diversi oli essenziali come quelli di Eucalipto, Camomilla e Lavanda concorre invece all’azione broncodilatatoria. Tra le pregiate miscele rinfrescanti di oli essenziali l’idrobagno I.U. BeC è tra i prodotti più interessanti: unisce all’effetto balsamico e vasotonico dell’olio essenziale di Menta e del mentolo anche l’olio di Eucalipto e Pino Silvestre e una particolare miscela di oli essenziali dalle proprietà dermopurificanti e antinfiammatorie come l’olio di chiodi di Garofano, Cipresso e Limone che donano una piacevole sensazione di freschezza quando usati in vasca idromassaggio o spugnatura sotto la doccia. L’olio essenziale di menta è molto utile anche per il benessere del capello, infatti il mentolo produce una sensazione di freschezza sulla testa e aiuta a rimuovere la forfora. Inoltre la sua natura antisettica e rigenerativa è sfruttata in lozioni che aiutano a rinforzare il cuoio capelluto conferendo un aspetto luminoso e fresco.

Amiamo pescare gli ingredienti della freschezza direttamente dalla Natura e miscelarli sapientemente per creare sinergie di prodotti naturali alleati del tuo benessere.

[1] Mimica-Dukic and Bozin. Mentha L. Species (Lamiaceae) as Promising Sources of Bioactive Secondary Metabolites. Current Pharmaceutical Design, 2008, 14, 3141-3150
[2] Kenia, P.; Houghton, T.; Beardsmore, C. Does inhaling menthol affect nasal patency or cough? Pediatr. Pulmonol. 2008, 43, 532-7.

Pronti per una tintarella sana e consapevole? Conosciamo meglio i filtri solari…

solariUna bella giornata di sole a volte può cambiare in meglio il nostro umore, ci permette di affrontare al meglio la routine quotidiana godendo dei benefici all’aria aperta: una giornata solare ci suggerisce pensieri positivi, energia, bellezza e salute. È opportuno però conoscere tutte le implicazioni del sole per trarne tutti i benefici evitando alcuni rischi connessi alla sovraesposizione. Impariamo a conoscere bene la nostra fonte primaria di energia, perché una scorretta esposizione solare può causare non solo piccole scottature ma anche aumentare il rischio di sviluppare forme di tumore delle pelle.

La luce del sole è costituita da differenti bande a determinate lunghezza d’onda (λ) a cui corrispondono differenti energie, una piccola quota di questa energia è rappresentata dai raggi ultravioletti UV.

  • I raggi UVC (λ = 40 ÷ 286 nm) sono generalmente filtrati dall’ozono atmosferico e non raggiungono la terra.
  • I raggi UVB (λ = 286 ÷ 320 nm) stimolano la formazione di nuova melanina pur avendo bassa capacità di penetrazione, agiscono superficialmente a livello dell’epidermide e sono i principali artefici dell’abbronzatura. Sono molto energetici e possono danneggiare le cellule, provocando infiammazione e scottature.
  • I raggi UVA (λ = 320 ÷ 400 nm) rappresentano la maggior quota dei raggi UV, penetrano profondamente nella pelle e provocano danni ai tessuti sottostanti portando conseguentemente all’invecchiamento cellulare e concorrendo alla formazione di processi patologici. Donano un’abbronzatura rapida, sfruttando la melanina già sintetizzata.

I prodotti solari svolgono un ruolo chiave nel mantenere in sicurezza la nostra pelle. Rappresentano delle difese imprescindibili per la salute della pelle e contribuiscono a proteggere efficacemente dal sole. Le direttive comunitarie messe a punto dalla Commissione Europea fin da settembre 2006 specificano che una perfetta protezione solare debba schermare efficacemente dalle radiazioni UVA e UVB e obbliga le aziende produttrici ad esporre etichette chiare su prodotti riguardo efficacia e claims dei prodotti solari. Come azienda cosmetica, BeC ha lavorato a fondo per assicurare le migliori performance per i suoi prodotti solari con il valore aggiunto di abbinare oli essenziali e attivi emollienti, idratanti e antiossidanti, che assolvono al ruolo chiave di una protezione solare a tutto tondo, lenendo gli eventuali eritemi e impedendo il foto-invecchiamento cutaneo, oltre a filtrare i raggi UV.

Conosciamo meglio quali sono i filtri solari autorizzati in EU in ambito cosmetico in accordo al Regolamento (EC) No 1223/2009 del Parlamento e del Consiglio Europeo del 30 Novembre 2009 sui prodotti cosmetici:

  1. Derivati dell’acido para-amminobenzoico (PABA), filtrano i raggi UVB con picchi di assorbimento tra 285 e 310 nm
  2. Cinnamati (p.es. ethylhexyl methoxycinnamate) sono capaci di proteggere dai raggi UVB oltre a funzionare come quencher (o spegnitori) di molecole eccitate dalla radiazione solare. Hanno massimi di assorbimento attorno ai 310 nm
  3. Derivati della benzilidencanfora, filtrano i raggi UVB e sono anch’essi quencher
  4. Derivati del dibenzoilmetano, utili nell’assorbire i raggi UVA
  5. Benzofenoni, assorbono negli spettri UVA e UVB
  6. Salicilati, sono dotati  di un  discreto  potere  assorbente  nell’ambito  degli UVB, con picchi di massimo assorbimento attorno a 305 nm.
  7. Triazine, p. es. Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine, un ottimo filtro fotostabile ad ampio spettro UVA e UVB.
  8. difenilcianoacrilati, p. es. Octocrylene: un filtro ad ampio spettro UVA e UVB.
  9. Titanio biossido e Zinco ossido, rappresentano i filtri fisici caratterizzati da un elevato potere  coprente,  riflettente  e  disperdente  delle  radiazioni solari.

Tutti prodotti solari di BeC sono basati sulla combinazione dei migliori filtri fotostabili chimici e fisici per coprire al meglio lo spettro UV.

La particolare formulazione e l’efficacia rigorosamente testata sull’uomo assicurano un’abbronzatura omogenea in totale sicurezza. Per garantire questo, i filtri impiegati nelle Creme solari (SPF 6, 15 , 30 e 50+) coprono una protezione opportuna a seconda del proprio fototipo. Particolare attenzione è posta alla finissima e omogenea dispersione dei filtri nella formula, per ottenere un’abbronzatura straordinariamente uniforme e maggior sicurezza nella protezione. La qualità degli ingredienti, principalmente di origine naturale (100% naturale nella SPF6), ne fa dei prodotti altamente dermocompatibili e adatti anche alle pelli più delicate.

Ma come dicevamo, nei solari BeC non ci sono solo i filtri solari! Ci sono componenti naturali che stimolano la melanogenesi (ATP, tirosina e riboflavina – vit. B2), rendendo l’abbronzatura più intensa e rapida in modo naturale, aiutando cioè la pelle ad autoproteggersi dal sole. Le formule dei prodotti solari BeC sono anche ricche di principi naturali nutrienti, idratanti, emollienti ed anti-age che nutrono la pelle e aiutano a ripristinare o mantenere l’idratazione e l’elasticità fisiologica della pelle. L’uso quotidiano dei prodotti solari BeC, non solo evita i danni causati dall’esposizione al sole, ma aumenta significativamente l’idratazione ed l’elasticità della pelle rispetto ai valori di partenza!
La Vitamina E naturale presente in tutti i prodotti della Linea Solare aiuta a contrastare la formazione delle rughe e l’invecchiamento cutaneo precoce, oltre a bloccare l’azione dei radicali liberi, coinvolti nei processi infiammatori associati all’esposizione al sole.
I prodotti solari BeC svolgono questa azione preventiva, in particolare l’olio Huile SolÈ® che ne è straordinariamente ricco. I test clinici hanno evidenziato che l’uso quotidiano riduce le rughe preesistenti in media del 12% in una sola settimana di trattamento! E’ un risultato unico!!!

I prodotti solari BeC sono stati formulati per trarre beneficio dalla radiazione solare, riducendo i rischi di effetti collaterali come allergie, foto-sensibilizzazione e invecchiamento cutaneo. Al fine di proteggere la cute dalle radiazioni dannose l’utilizzo delle nostre selezionate formulazioni solari stimola le naturali difese della pelle al sole e garantisce un’abbronzatura intensa e profonda, mantiene la pelle idratata, elastica e levigata, aiutando a lenire le irritazioni e a prevenire l’invecchiamento cutaneo causato dai radicali liberi.

Approfitta di tutti i benefici di una sana tintarella senza rinunciare ad un’ottima protezione solare!

 

Macchie solari e senili? Come trattarle con la cosmesi naturale…

Le macchie cutanee solari o senili rappresentano uno sgradito inestetismo cutaneo caratterizzato da un colorito scuro localizzato e disomogeneo. La loro graduale comparsa sul volto, sulle mani e sulle spalle aumenta con l’avanzare dell’età ed è spesso associata ad una scorretta esposizione al sole. Si tratta di inestetismi che vengono di solito nascosti da un eccessivo make-up coprente, specie se la zona interessata è il volto.

Perla di Luna_confezioneLa corretta prevenzione delle macchie cutanee con creme solari ad alta protezione rimane sicuramente una buona abitudine da seguire, ma non assicura la mancata comparsa di discromie legate all’invecchiamento, che diventano più pronunciate con l’avanzare dell’età. Inoltre, la protezione solare aiuta a prevenire la formazione di nuove macchie, ma nulla può fare su quelle già formate.

In genere, il complesso fenomeno che porta ad un colorito disomogeneo con pigmentazione focalizzata o diffusa viene descritta genericamente come iperpigmentazione: la melanina della nostra pelle, prodotta a ritmo accelerato rispetto al normale, si concentra in piccole aree che sono visibili maggiormente con l’esposizione alla raggi UV del sole, oppure sotto i raggi di un lettino abbronzante.

Alcuni rimedi ad uso topico – prescritti dal dermatologo – sono stati utilizzati negli anni per importanti casi di iperpigmentazione: si trattava di formulazioni dermatologiche a base di idrochinone e retinoidi che pur essendo efficaci presentavano una certa tossicità e alcuni effetti collaterali dovuti alla limitata tollerabilità degli attivi. L’idrochinone, che agisce mediante un drastico meccanismo ossidativo, è vietato da più di 15 anni nella Comunità Europea a causa dei forti effetti irritanti riscontrati e per la sua eccessiva tossicità a lungo termine. Altre sostanze sono state individuate allo scopo, ma spesso hanno azione aggressiva e inibiscono la pigmentazione uccidendo i melanociti (inducendone l’apoptosi = “suicidio” della cellula).

Con la cosmesi naturale è possibile intervenire sulle macchie cutanee con trattamenti schiarenti che offrono buoni risultati. I prodotti depigmentanti contengono sostanze funzionali in grado di bloccare o inibire la sintesi di melanina con diversi meccanismi d’azione tra i quali vanno citati gli inibitori della tirosinasi (p. es. l’arbutina e l’acido kojico) e gli inibitori del trasferimento della melanina ai cheratinociti. La ricerca di nuovi ingredienti naturali di origine botanica ad azione depigmentante ha rappresentato una sfida negli ultimi anni nella cosmesi naturale e ha permesso di valutare numerosi attivi vegetali per il trattamento degli inestetismi della macchie solari e senili al fine di ottenere formulazioni attive ed efficaci, che siano sempre meglio tollerate. I depigmentanti attualmente più usati in campo cosmetico sono per lo più inibitori dell’attività della tirosinasi, enzima chiave nelle biosintesi della melanina. Tra le fonti botaniche più interessanti per le sue proprietà schiarenti, va citata la Liquirizia (Glycyrrhiza glabra) ed in particolare un suo componente noto come Glabridina che rappresenta il composto naturale più potente oggi noto nell’inibire l’enzima tirosinasi.

Nella progettazione di Perla di Luna®, come innovativa crema schiarente ad azione multilivello, abbiamo scelto Glabridina come principale attivo funzionale ad azione schiarente, abbinata all’estratto di Melinjo (Gnetum gnemon): entrambi inibiscono direttamente l’enzima tirosinasi. Inoltre, l’estratto di Artocarpus heterophyllus (albero del pane) e la Vitamina B3 inibiscono il trasferimento di melanina ai cheratinociti, contrastando la pigmentazione cutanea. Il retinolo (Vitamina A), l’estratto di Salice e Cumino e gli oli essenziali stimolano il turnover cellulare e la naturale esfoliazione della pelle, favorendo la rimozione delle macchie già formate. Abbiamo cioè combinato diversi preziosi elementi della natura per agire contro la iperpigmentazione in modo coordinato e sinergico, ma nel rispetto della fisiologia e della salute della pelle.

Poichè le macchie senili non vengono da sole, ma tipicamente si accompagnano alla comparsa di altri segni del tempo, la ricerca formulativa per Perla di Luna® si è concentrata anche sul dotarla di una efficace azione anti-age, forti della esperienza e tradizione cosmetica di BeC con l’ausilio imprescindibile di pregiati oli essenziali. L’estratto di Aloe, l’acido ialuronico, l’insaponificabile di Olivo, le Vitamine E e C, l’estratto di Magnolia e il Ribosio esercitano una profonda azione nutriente e antiage, difendendo la pelle dai radicali liberi, migliorando l’idratazione e l’elasticità e riducendo le rughe in sole 2 settimane.

Perla di Luna® rappresenta un sinergico ed efficace trattamento depigmentante per le macchie della pelle, aiuta a contrastare la comparsa di discromie cutanee e a rimuovere gli accumuli di melanina, dona uniformità al colorito e svolge un’efficace azione anti-age. Formulata con filtri solari naturali (tra cui spicca il γ-orizanolo da riso), è ideale per trattare inestetismi da iperpigmentazione localizzata o diffusa, macchie da foto-esposizione e da esiti cicatriziali e macchie senili. Regala ulteriore giovinezza alla pelle, svolgendo azione levigante, incrementandone l’elasticità ed esercitando una profonda azione idratante.

Perla di Luna®  ridona alla tua pelle la luminosità e la perfezione delle perle più preziose!

Earth Day, un piccolo aiuto al Pianeta!

Earth-DayStiamo entrando nel 46esimo anno in cui celebriamo la Giornata della Terra (Earth Day) per una continua sensibilizzazione al consumo critico ed eco-sostenibile. Anche quest’anno sono numerose le idee, gli spunti di riflessione e le azioni concrete per la salvaguardia del nostro Pianeta. Sin dal 1970, anno di fondazione della Giornata della Terra, il movimento www.earthday.org cerca di trasmettere una crescente consapevolezza nei confronti delle problematiche ambientali e del risparmio energetico. Dopo quasi cinquanta anni, il movimento continua a divulgare idee innovative con la potenza di un esempio semplicissimo: TREES for the EARTH ovvero piantiamo 7.8 miliardi di alberi sulla Terra! L’auspicio continuo è il disincentivo graduale dei combustibili fossili per rendere le nostre città sempre più eco-sostenibili. Tra gli obiettivi di questa giornata c’è l’urgenza di promuovere una maggiore consapevolezza nei cittadini di quanto le nostre scelte di acquisto, gli stili di consumo e le scelte di voto incidano nell’operato di chi prende le decisioni attraverso l’affermazione di rigorosi criteri di sostenibilità sociale ed economica.

Nel nostro piccolo, come possiamo dare il nostro contributo al più grande obiettivo della salvaguardia dell’ambiente e favorire un consumo etico ed eco-sostenibile?  La politica di  BeC come azienda produttiva nella cosmesi naturale sta rivolgendo recentemente una maggiore attenzione verso la cosmesi  biologica o eco-bio, per questo abbiamo dato vita alla linea Terra biocare. I cosmetici biologici sono prodotti naturali che oltre ad avere una quota considerevole di ingredienti provenienti da agricoltura biologica rispondono al requisito di diminuzione dell’impatto ambientale dei processi produttivi di ogni singolo ingrediente infatti molti ingredienti naturali possono essere esclusi da una determinata formulazione se non garantiscono un adeguato impatto ambientale. Questa attenzione si estende al packaging, agli imballaggi e a tutta la filiera produttiva. La cosmesi sostenibile inoltre si concentra maggiormente sulla facilità di smaltimento dei rifiuti associati alla filiera del cosmetico.

Vi riportiamo per l’occasione un estratto di un’intervista propostaci da CosmesiDoc in cui ci si chiede come il tema della sostenibilità può essere applicato alla cosmetica:

Un consumatore attento alle problematiche che riguardano l’inquinamento dell’ambiente che lo circonda riflette questo interesse nel momento della scelta di prodotti, sia nella filiera alimentare che per tutti i prodotti del benessere della persona. In particolare, i cosmetici eco-bio sono prodotti rispettosi dell’ambiente e rappresentano una simbiosi armonica tra uomo e ambiente. La nostra linea di cosmetici certificati eco-bio è dedicata a tutti coloro che vogliono avvicinarsi ad uno stile di vita più consapevole, etico ed ecosostenibile, senza rinunciare all’efficacia. Quest’ultimo aspetto è importante e noi gli dedichiamo la massima attenzione. Se il consumatore rinuncia ad essere pienamente soddisfatto dell’efficacia e di ciò che il cosmetico fa per lui, prima o poi sarà deluso dalla sua scelta e tenderà a ritornare sui suoi passi, alla ricerca di qualcosa che soddisfi i suoi bisogni. Questo vanificherebbe tutto! E’ importante quindi che il prodotto bio sia pienamente efficace e performante, così che il consumatore non debba viverlo come una rinuncia. Questo renderà la scelta sostenibile verso l’ambiente, ma anche sostenibile nel lungo termine per il consumatore, cioè veramente sostenibile!

Ma l’impegno di BeC non si esaurisce nella creazione della linea di prodotti biologica Terra biocare. Infatti, da diversi anni BeC si è autoimposta un sistema integrato di gestione della Qualità e Ambiente di tutte le sue attività di ricerca e sviluppo, produttive e commerciali. Tale sistema integrato è sviluppato second0 gli standard internazionali ISO 9001 (Qualità) e ISO 14001 (Ambiente) e prevede il continuo miglioramento, anno dopo anno, delle proprie prestazioni di salvaguardia ambientale, basato sul puntale monitoraggio dei risultati raggiunti. Un esempio concreto, fra le tante azioni intraprese, riguarda il packaging secondario di tutti i prodotti, che è ottenuto esclusivamente con carta certificata FSC per la salvaguardia delle foreste ed un uso sostenibile delle risorse naturali.

Salvaguardia dell’ambiente ed eco-sostenibilità sono i fari che guideranno sempre di più la produzione industriale dalla piccola impresa artigianale fino ai grandi poli industriali auspicando una sempre maggiore consapevolezza di tutti gli anelli della filiera produttiva. Grazie all’Earth Day Italian Network impegniamoci a promuovere la conoscenza e lo scambio delle idee per uno sviluppo ecologico e sostenibile… la Terra ci ringrazierà!

Gli oli essenziali in Nutraceutica

Libro_essential_oilsL’azienda BeC utilizza oli essenziali nella cosmesi e nell’integrazione alimentare ormai da decenni, conferendo ai nostri “prodotti naturali” un tocco distintivo e unico, non solo nelle profumazioni ma soprattutto avvalendosi delle proprietà benefiche di questi “distillati della Natura”. Oggi vi segnaliamo un’importante pubblicazione in cui vengono descritte caratteristiche e proprietà innovative di molti oli essenziali spaziando negli usi della medicina tradizionale orientale fino alla cultura occidentale e non solo. Vi parliamo del testo “Essential Oils as Natural Food Additives” edito qualche anno fa da Nova Science Publishers, Inc. (New York, 2012) perché siamo orgogliosi di aver dato anche il nostro contributo ad un’informazione documentata e scientificamente affidabile forti della scelta aziendale di investire utilmente in Ricerca e Sviluppo.

Gli oli essenziali sono stati usati da secoli nella preparazione di fragranze ad uso cosmetico e aromi alimentari così come nelle medicine tradizionali nel trattamento di diversi disfunzioni. Un rinnovato interesse sia da parte della comunità scientifica che tra il pubblico ha permesso di avvicinarsi a questo interessante campo con solide basi scientifiche. L’uso degli oli essenziali, sempre più diffuso nella vita di ogni giorno, va di pari passo con la crescente esigenza nel perseguire uno stile di vita più salutare e orientato al mondo del “naturale”. Ciò è consolidato da numerosi studi scientifici che hanno dimostrato interessanti proprietà biologiche che spaziano dalle attività antimicrobiche fino a quelle antiossidanti, sebbene siano emersi numerosi nuovi usi funzionali. Questo testo propone una disamina accurata ed aggiornata della letteratura scientifica sugli oli essenziali usati a scopo alimentare in diverse zone della Terra discutendone le proprietà antimicrobiche e antiossidanti con una introduzione generale alla chimica, la classificazione, l’origine biosintetica, la preparazione e le metodiche di analisi.

Maggiori info al sito dell’editore

https://www.novapublishers.com/catalog/product_info.php?products_id=28680

 

 

 

Magnolia: un dono della natura! Le proprietà benefiche della corteccia d’Oriente

magnoliaMagnolia officinalis è una delle specie arboree appartenenti alla famiglia delle Magnoliacee, nativa dei paesi asiatici, quali Cina, Thailandia, Corea e Giappone. Dalla corteccia e dalle sue pigne (o strobili) si ricavano estratti usati in preparazioni officinali della medicina orientale. In particolare, la corteccia di Magnolia, sotto forma di decotto o tisana, è usata da più di 2000 anni nella medicina tradizionale cinese per il trattamento di vari disturbi, come tosse, asma e problemi all’apparato gastro-enterico o urinario. Una preparazione erboristica orientale che include la Magnolia, detta “Saiboku-to”, viene usata ancora oggi per migliorare i sintomi dell’asma e contemporaneamente alleviare gli stati d’ansia e tensione nervosa.

Le sue proprietà sono dovute alla presenza di composti fenolici (allil-fenoli), in particolare il magnololo e l’onochiolo. Sono state attribuite diverse attività farmacologiche alla Magnolia, tra cui quella antiaggregante piastrinica, antiossidante, antinfiammatoria, neuroprotettiva e, negli ultimi tempi, anche quella anti-angiogenica e antitumorale. I componenti bioattivi della Magnolia (soprattutto l’onochiolo) hanno ricevuto una grande attenzione anche da parte della comunità scientifica che ne ha studiato gli effetti farmacologici nel trattamento dello stress, dell’ansia e della depressione. Tra le altre attività dimostrate in lavori scientifici vanno considerate le proprietà antiossidanti, antinfiammatorie ed protettive del fegato.

Le importanti proprietà antiossidanti e antinfiammatorie di Magnolia sono state esplorate anche in ambito cosmetico. Molto recentemente, grande interesse è rivolto alle proprietà antimicrobiche in prodotti ad uso topico, infatti, nelle pelli giovani mostra effetti benefici nel limitare l’attività dei batteri connessi all’acne giovanile come Propionibacterium acnes. Inoltre, studi recenti hanno dimostrato che magnololo e onochiolo sono in grado di influenzare l’attività cellulare dei microbi conferendo un’azione anti-cariogena in prodotti oral-care.

magnolia2Grazie a tali proprietà antibatteriche l’estratto da corteccia di Magnolia ha importanti applicazioni cosmetiche sia come nuovo conservante naturale e biologico sia come ingrediente dalle proprietà antisettiche e dermo-igieniche, utili nel prevenire le infezioni della pelle. Magnolia officinalis potrebbe rappresentare una valida alternativa a conservanti già in uso in formulazioni cosmetiche con il vantaggio di essere anche un attivo funzionale sulla pelle, cioè di svolgere un’azione doppiamente utile e preziosa. Per questi motivi, abbiamo inserito l’estratto di Magnolia in numerosi prodotti della linea tradizionale BeC. In particolare nella Nuova Maschera e nella Pasta Idrogel, dove svolge una importante azione dermopurificante, e nella crema lenitiva VelvÈ, dove magnololo ed onochiolo, gli attivi presenti in Magnolia, agiscono sinergicamente nel contrastare l’invecchiamento cellulare, alleviare gli stati di irritazione e contribuire ad limitare i processi ossidativi a carico delle pelle.

Per il suo processo di preparazione “pulito” ed eco-sostenibile, approvato da enti certificatori eco-bio come Ecocert, è stato possibile anche l’utilizzo dell’estratto di Magnolia nella nostra nuova linea BIO Terra biocare, in una formulazione appositamente studiata per il trattamento pelli impure ma delicate, la nuova crema viso biologica PuraBi.

In conclusione, la corteccia di Magnolia con le sue proprietà sinergiche si conferma un dono della natura: usata tradizionalmente da secoli per le proprietà rilassanti e calmanti, recentemente ha rivelato preziose proprietà antiossidanti, antimicrobiche e dermoigieniche utilizzate con sapienza nella cosmesi naturale.

Germogli di ravanello, fonte di importanti componenti nutraceutici: isotiocianati e antocianine

La specie del Raphanus sativus (L.) comprende un grande varietà di vegetali ad uso alimentare come ravanelli e rafano. All’interno della ampia famiglia delle Brassicaceae, il rafano rappresenta uno dei vegetali più consumati al mondo grazie alla facilità nella coltivazione e al sapore piacevolmente piccante, intenso e deciso. I ravanelli maturi sono ricchi di microelementi come vitamine (A, B1, B2, B3 e C) e minerali (ferro, potassio, calcio, magnesio, sodio, fosforo) oltre alle fibre.

ravanelli antocianine isotiacianati

Tra i componenti di maggior interesse ci sono notevoli quantità di glucosinolati, i precursori degli isotiocianati, che sono i responsabili dell’odore pungente e del sapore piccante. Gli isotiocianati, diffusi in numerosi altri vegetali della famiglia delle Brassicaceae, come cavolo, rafano, broccoli, senape, rucola, hanno importanti proprietà antitumorali, antiossidanti e detossificanti, dimostrate attraverso studi sia in vitro che in vivo. Pertanto, il consumo di specie vegetali appartenenti alla famiglia delle Brassicacee concorre a proteggerci da numerose condizioni degenerative croniche.

A differenza delle altre specie di Raphanus bianche, i ravanelli rossi contengono anche antocianine, flavonoidi che sono tipici dei frutti di bosco e di altri frutti rossi. La presenza simultanea di queste due classi di biocomponenti (isotiocianati e antocianine) dalle importanti proprietà antiossidanti rende la cultivar Sango di Raphanus sativus uno degli alimenti salutari più interessanti. In particolare, negli ultimi anni, all’interno dei Laboratori BeC  abbiamo studiato il succo dei germogli di Sango. Tale succo contiene un quantitativo di isotiocianati analogo ad altri germogli della famiglia Brassica (cfr nostro articolo Food Chemistry 2012), ma sorprendentemente ha un contenuto di antocianine comparabile solo alla quantità riscontrabile nei frutti di bosco più ricchi (mirtilli e lamponi). Inoltre, i germogli offrono una enorme diversità del profilo in antocianine rispetto alla pianta matura, in cui si osserva il differenziamento in un numero ridotto di componenti maggioritari. Le antocianine, come evidenziano numerosi studi epidemiologici, mostrano capacità protettiva dai rischi connessi a patologie cardiovascolari, cancro e altre condizioni degenerative croniche, pertanto la ricchezza e diversità strutturale riscontrata nei germogli di Sango ha grande importanza nutrizionale. Durante il nostro progetto di ricerca siamo riusciti ad identificare e caratterizzare diverse antocianine mai descritte prima d’ora (cfr  nostro articolo su Food Chemistry 2015) che hanno la cianidina come struttura di base comune e che rendono i germogli di sango un alimento unico nel suo genere.

Grazie ad una collaborazione con l’Università di Bologna è stato possibile studiare le proprietà antiossidanti di antocianine isolate dal Sango. Questo studio dimostra che l’attività antiossidante delle antocianine del Sango è confrontabile con quella della vitamina E, mettendo in luce la grande importanza della diversità strutturale riscontrata nel Sango. Le antocianine, inoltre, sono responsabili del singolare colore porpora dei germogli, mentre il loro gradevole sapore pungente è dovuto agli isotiocianati (vedi sopra). Per il suo contenuto in principi nutritivi come vitamine e sali minerali, oltre agli isotiocianati e alle antocianine, il Sango aiuta a fortificare i tessuti muscolari, a potenziare la vista, ha azione antisettica, migliora le difese dell’organismo e stimola i processi digestivi e svolge azione protettiva nei confronti dei radicali liberi.

Siamo orgogliosi di condividere con voi i nostri studi e vi terremo aggiornati su eventuali sviluppi.