L’atleta naturale: gli oli essenziali come “performance enhancers”

montagne_simoRicordo un convegno al Sana (salone internazionale del biologico e del naturale) a cui assistetti nel 2008, in particolare mi colpì un intervento intitolato “Aromaterapia: recenti acquisizioni della ricerca scientifica” a cura del Prof. Gerhard Buchbauer (Capo del Dipartimento di Farmacia clinica e Diagnostica dell’Università di Vienna, Austria) in cui venivano mostrati elettroencefalogrammi umani nei quali si evidenziava l’incremento di attività di alcune aree cerebrali dopo l’inalazione di determinati oli essenziali. Approfondendo l’argomento trovai effettivamente riscontri bibliografici di come certe essenze potessero incrementare le funzioni cognitive e attenuare i dolori (ad esempio la menta piperita [1]), attivare la circolazione sanguigna agevolando lo smaltimento dell’acido lattico (ad esempio canfora e rosmarino [2]) o svolgere una potente attività antiossidante e anti infiammatoria (ad esempio Tea Tree, limone e timo [3]). Mi apparve chiaro che ogni olio essenziale presenta particolari proprietà terapeutiche ed è quindi in grado di provocare effetti diversi quando inalato o applicato sulla pelle. In effetti gli oli essenziali possono svolgere un’azione terapeutica seguendo 3 distinte vie:
1.    Farmacologica – causando veri e propri cambiamenti biochimici a livello cellulare
2.    Fisiologica – agendo su specifici sistemi corporei
3.    Psicologica – stimolando una risposta olfattiva
Nei primi due casi i compoenti degli oli essenziali penetrano attraverso l’epidermide [4] (o vengono assorbiti attraverso l’apparato digerente o quello respiratorio) ed entrano nel circolo sanguigno raggiungendo organi e cellule, nel terzo caso la via d’accesso è la cavità nasale  .
ciclismoNello stesso anno cominciai ad intensificare la mia attività sportiva in ambito ciclistico e cercai di capire se in seguito all’utilizzo di oli essenziali avrei potuto ottenere benefici e migliorare le mie performance. Per esempio, esiste un’influenza “psico-aromatica” sugli atleti? Se è riconosciuto che lo stato mentale di un atleta ha una profonda influenza sulla prestazione (basti pensare che ascoltare musica con player musicali come l’i-Pod  è vietato nelle maratone competitive poiché considerato “doping emotivo”), già il solo fatto di inalare un determinato olio essenziale o una miscela di essi in grado di stimolare le capacità cognitive può dare un prezioso contributo  al raggiungimento di un buon risultato sportivo.
Per un atleta che svolge attività aerobica di endurance come un maratoneta o un ciclista, uno degli aspetti più importanti da considerare è rappresentato dal danno muscolare associato alla produzione di acido lattico (crampi) [2] e al danno ossidativo provocato dalla produzione di radicali liberi durante lo sforzo prolungato. Quest’ultimo fenomeno è efficacemente contrastato dagli antiossidanti che rappresentano un potente mezzo per proteggere le cellule e l’organismo dagli effetti dannosi dei radicali liberi (invecchiamento tissutale, dolori muscolari).
Ricercatori della Tufts University di Boston, Massachusetts, hanno messo a punto un test di laboratorio (ORAC: Oxygen Radical Absorbance Capacity) per determinare la capacità di assorbimento di ossigeno radicale di diversi alimenti e sostanze naturali  che è diventato uno dei metodi più diffusi per misurare la capacità antiossidante. Da questo test è scaturito che il potere antiossidante degli oli essenziali è addirittura superiore a quello di molecole e/o alimenti ritenuti gli antiossidanti per eccellenza [5]  (Vitamina E, succo di arancia, succo di limone, ecc.). Inoltre gli oli essenziali puri, ottenuti in modo naturale, sono molto più potenti ed efficaci dei loro singoli costituenti (naturali o sintetici). Per esempio, il potere antisettico dell’olio di eucalipto nella sua forma non adulterata risulta nettamente superiore rispetto a quello del suo principale costituente, l’eucaliptolo [6] .
trainingQuindi, da evidenze sperimentali si capisce quanto gli oli essenziali siano preziosi per un atleta che voglia incrementare le proprie performance in modo del tutto naturale,  io personalmente ho trovato nell’Olio Strongful® della linea BeC un valido partner nel pre e post-allenamento quotidiano divenuto oramai irrinunciabile poiché i numerosi oli essenziali che lo compongono sono stati scientificamente scelti e dosati per ottenere una “sinergia vincente”.

Oltre all’Olio Strongful anche l’integratore PerforMax è indicato per chi svolge attività aerobica di resistenza come un maratoneta. Olio Strongful e PerforMax rappresentano strumenti validi a fronteggiare lo scompenso muscolare associato ai crampi e allo stress ossidativo provocato dalla produzione di radicali liberi durante uno sforzo prolungato. Quest’ultimo fenomeno è efficacemente contrastato dagli antiossidanti di cui sono ricchi entrambi i nostri prodotti accanto ai preziosi oli essenziali.

Scopri tutte le informazioni su Olio Strongful e PerforMax sul sito BeC.

 

[1] Fox M., Krueger E., Putterman L., Schroeder R. The Effect of Peppermint on Memory Performance.  Physiology 435, Spring 2012
[2] Diego MA, Jones NA, Field T, Hernandez-Reif M, Schanberg S, Kuhn C, McAdam V, Galamaga R, Galamaga M. Aromatherapy positively affects mood, EEG patterns of alertness and math computations Int J Neurosci. 1998 217-24.
[3] Ali B., Ali Al-Wabel N., Shams S., Ahamad A., Alam Khan S., Anwar F.. Essential oils used in aromatherapy: A systemic review.  Asian Pac J Trop Biomed 2015; 5(8): 601–611
[4] Gabbanini S., Lucchi E., Carli M., Berlini E. , Minghetti A., Valgimigli L.. In vitro evaluation of the permeation through reconstructed human epidermis of essentials oils from cosmetic formulations J Pharm Biomed Anal. 2009 Oct 15;50(3):370-6
[5] Bentayeb K, Vera P, Rubio C, Nerín C. The additive properties of Oxygen Radical Absorbance Capacity (ORAC) assay: the case of essential oils. Food Chem. 2014 Apr 1;148:204-8.
[6] Tadtong S, Puengseangdee C, Prasertthanawut S, Hongratanaworakit T. Antimicrobial Constituents and Effects of Blended Eucalyptus, Rosemary, Patchouli, Pine, and Cajuput Essential Oils.Nat Prod Commun. 2016; 11, 267-70

Germogli di ravanello, fonte di importanti componenti nutraceutici: isotiocianati e antocianine

La specie del Raphanus sativus (L.) comprende un grande varietà di vegetali ad uso alimentare come ravanelli e rafano. All’interno della ampia famiglia delle Brassicaceae, il rafano rappresenta uno dei vegetali più consumati al mondo grazie alla facilità nella coltivazione e al sapore piacevolmente piccante, intenso e deciso. I ravanelli maturi sono ricchi di microelementi come vitamine (A, B1, B2, B3 e C) e minerali (ferro, potassio, calcio, magnesio, sodio, fosforo) oltre alle fibre.

ravanelli antocianine isotiacianati

Tra i componenti di maggior interesse ci sono notevoli quantità di glucosinolati, i precursori degli isotiocianati, che sono i responsabili dell’odore pungente e del sapore piccante. Gli isotiocianati, diffusi in numerosi altri vegetali della famiglia delle Brassicaceae, come cavolo, rafano, broccoli, senape, rucola, hanno importanti proprietà antitumorali, antiossidanti e detossificanti, dimostrate attraverso studi sia in vitro che in vivo. Pertanto, il consumo di specie vegetali appartenenti alla famiglia delle Brassicacee concorre a proteggerci da numerose condizioni degenerative croniche.

A differenza delle altre specie di Raphanus bianche, i ravanelli rossi contengono anche antocianine, flavonoidi che sono tipici dei frutti di bosco e di altri frutti rossi. La presenza simultanea di queste due classi di biocomponenti (isotiocianati e antocianine) dalle importanti proprietà antiossidanti rende la cultivar Sango di Raphanus sativus uno degli alimenti salutari più interessanti. In particolare, negli ultimi anni, all’interno dei Laboratori BeC  abbiamo studiato il succo dei germogli di Sango. Tale succo contiene un quantitativo di isotiocianati analogo ad altri germogli della famiglia Brassica (cfr nostro articolo Food Chemistry 2012), ma sorprendentemente ha un contenuto di antocianine comparabile solo alla quantità riscontrabile nei frutti di bosco più ricchi (mirtilli e lamponi). Inoltre, i germogli offrono una enorme diversità del profilo in antocianine rispetto alla pianta matura, in cui si osserva il differenziamento in un numero ridotto di componenti maggioritari. Le antocianine, come evidenziano numerosi studi epidemiologici, mostrano capacità protettiva dai rischi connessi a patologie cardiovascolari, cancro e altre condizioni degenerative croniche, pertanto la ricchezza e diversità strutturale riscontrata nei germogli di Sango ha grande importanza nutrizionale. Durante il nostro progetto di ricerca siamo riusciti ad identificare e caratterizzare diverse antocianine mai descritte prima d’ora (cfr  nostro articolo su Food Chemistry 2015) che hanno la cianidina come struttura di base comune e che rendono i germogli di sango un alimento unico nel suo genere.

Grazie ad una collaborazione con l’Università di Bologna è stato possibile studiare le proprietà antiossidanti di antocianine isolate dal Sango. Questo studio dimostra che l’attività antiossidante delle antocianine del Sango è confrontabile con quella della vitamina E, mettendo in luce la grande importanza della diversità strutturale riscontrata nel Sango. Le antocianine, inoltre, sono responsabili del singolare colore porpora dei germogli, mentre il loro gradevole sapore pungente è dovuto agli isotiocianati (vedi sopra). Per il suo contenuto in principi nutritivi come vitamine e sali minerali, oltre agli isotiocianati e alle antocianine, il Sango aiuta a fortificare i tessuti muscolari, a potenziare la vista, ha azione antisettica, migliora le difese dell’organismo e stimola i processi digestivi e svolge azione protettiva nei confronti dei radicali liberi.

Siamo orgogliosi di condividere con voi i nostri studi e vi terremo aggiornati su eventuali sviluppi.

Fotodegradazione dei filtri solari e i danni provocati alla pelle

soleAbbiamo discusso precedentemente il meccanismo di azione dei filtri solari, sottolineando che i filtri chimici assorbono l’energia solare per poi rilasciarla sotto forma di calore, possibilmente senza subire alterazioni dalla radiazione stessa. Possibilmente… ma è sempre così? Purtroppo no e abbiamo pensato di proporvi un approfondimento sulla fotostabilità dei filtri solari. È un aspetto di cui pochissimo si parla (chissà perché?), ma che ha importanti conseguenze sulla nostra salute.

Dopo aver assorbito l’energia solare i filtri chimici si trovano in uno stato quantico di energia più elevato, da questo stato possono succedere 3 cose:

  1. tornare allo stato energetico fondamentale perdendo energia come calore (spesso non percepibile) per assorbire nuova energia solare e ricominciare il ciclo;
  2. disperdere l’eccesso di energia frammentandosi, cioè degradandosi (per formare radicali liberi) o usare l’eccesso di energia per reagire con altre molecole (reazioni fotochimiche);
  3. trasferire per urto l’energia in eccesso ad un’altra molecola (fotosensibilizzatori). I filtri solari dovrebbero usare solo la prima strada, tuttavia non tutti i filtri sono uguali e, dopo diversi cicli di assorbimento-emissione capita che alcuni filtri meno fotostabili di altri prendano la seconda strada, cioè si foto-degradino (parleremo in un post successivo dei filtri che prendono la terza strada e si comportano da fotosensibilizzatori).

Se il filtro solare si degrada spesso produce radicali liberi e sostanze dannose e, se il filtro solare è assorbito in profondità nella nostra pelle, questi radicali liberi e sostanze dannose possono danneggiare proteine e DNA accelerando i processi di foto-invecchiamento della pelle. In una formulazione di elevata qualità questi danni possono essere prevenuti dalla presenza abbondante di antiossidanti (es. vitamina E) nella formula che bloccano tali radicali liberi prima che causino danni. Quindi nella scelta di una formulazione solare si cerchi sempre la massima qualità dopo un’attenta lettura dell’etichetta!

Ma c’è un altro aspetto da considerare: mano a mano che il filtro si degrada il fattore di protezione solare (cioè l’SPF- solar protection factor) del prodotto diminuisce.

fotodegradazione

Variazioni dello spettro di assorbimento UV-Vis di esempi di creme solari contenenti filtri UV dopo esposizione alla medesima “dose”di luce solare. Nella parte superiore è riportata una formulazione con filtri NON fotostabili ed è evidente la variazione dello spettro cioè la riduzione della capacità di “protezione” della formulazione. Nella parte inferiore è riportata una formula con filtri foto-stabili: come si vede l’esposizione al sole causa minime e trascurabili variazioni dello spettro che non pregiudicano la capacità di protezione della formulazione.

L’effetto di perdita dell’SPF durante l’esposizione al sole dipende dalla fotostabilità dei filtri solari: con filtri molto fotostabili il fenomeno ha importanza trascurabile, ma con filtri poco fotostabili, purtroppo molto comuni nei prodotti solari in commercio, il fenomeno può essere molto significativo, come illustrato nei grafici a fianco che mettono a confronto due formulazioni reali: un famoso prodotto commerciale (non chiedeteci quale) e la crema solare BeC SPF 15.

Molte persone pensano che i prodotti solari ”waterproof” che resistono per diversi minuti anche nuotando in acqua al mare garantiscano una protezione più sicura per l’intera giornata, perché il prodotto non viene lavato via. Dai grafici è chiaro che l’uso di prodotti solari waterproof, non garantisce affatto una protezione sicura per l’intera giornata. Va innanzitutto considerato se il filtro contenuto nel nostro prodotto solare è fotostabile!!! Inoltre, però, occorre tener presente che, anche se il filtro è fotostabile, durante una tipica giornata balneare, ci si asciuga con l’asciugamano, ci si cosparge di sabbia che si rimuove sfregandosi o lavandosi, si suda per il calore o per l’attività fisica (es. sport in spiaggia). Tutte queste operazioni finiscono col rimuovere comunque la crema dalla nostra pelle. Pertanto, una formulazione di alta qualità con filtri fotostabili è la scelta ideale per una protezione sicura, ma il consiglio che vale comunque è quello di ripetere più volte l’applicazione del prodotto nell’arco della giornata, sopratutto nel caso dei bambini.