Mangio dunque sono (Il significato olistico del cibo)

Il cibo è legato a codici culturali primordiali e inconsci che fanno sì che nutrirsi, oltre a soddisfare un bisogno fisiologico, sia qualcosa che ci lega all’ambiente in cui viviamo e pertanto sia criterio sociale e d’identità,  costume e tradizione. È possibile intervenire su questo impulso primitivo del gusto per evitare di diventarne schiavi? Il cibo è medicina, come sapevano già Ippocrate, Galeno e Paracelso, ma allora perché non riusciamo a vedere ciò che mangiamo, oltre che come soddisfazione del gusto, anche come generatore di effetti a breve e lungo termine?

vegetablesIl cibo rinvia a infiniti indicatori psichici, ma soffermiamoci su quel problema, l’obesità, che affligge l’Occidente dell’era moderna, per effetto sia dell’eccessivo consumo alimentare (dovuto a un’offerta troppo varia e appetitosa che può ingannare i nostri meccanismi regolatori della fame e sazietà), sia della perdita di una cultura del benessere intesa come cultura dell’esercizio fisico e quindi della salute del corpo.

Nella dimensione del nostro corpo, di fatto, si agitano le più profonde difficoltà dell’anima. Soffrire di obesità in una società che predilige i magri equivale, oggigiorno, a una neppure tanto mascherata esclusione sociale. Per questo tutte le discipline che un tempo servivano a salvare l’anima- mortificazione, astinenza- sono state oggi riprese e reintrodotte sotto forma di diete, tecniche di moderazione e misura, non tanto per garantire la salute del corpo, quanto per salvare quell’identità e quella possibilità di essere accettati.

La posta in gioco non è tanto riconciliarsi con il cibo, ma è esistere, e la persona che mangia per esistere e che vuole dimagrire per la stessa ragione, cammina sul filo rasoio. Per questo il più delle volte le diete naufragano, non tanto perché si stia reprimendo la gola, ma perché l’insicurezza circa la propria esistenza non ha trovato dove ancorarsi. Quando il cibo diventa una prova di esistenza, allora lo si incarica di un discorso che non gli compete e per il quale non dispone di parole.

Il motto mens sana in corpore sano dovrebbe essere interpretato diversamente rispetto al senso letterale che gli si attribuisce: Giovenale non afferma, infatti, che in un corpo sano c’è una mente sana, ma che bisogna esercitare l’uno e l’altra, in egual modo. L’idea che corpo e anima possano crescere e svilupparsi soltanto assieme è alla base del modello di scuola e educazione proposto anche da Aristotele.

Nell’uso moderno, poi, si attribuisce al precetto un senso ancora più complesso, intendendo che, per avere sane le facoltà dell’anima, bisogna avere sane anche quelle del corpo (e viceversa) in virtù dell’unità psicofisica. Proprio questa unità psicofisica si ritrova nelle scienze olistiche: ogni medicina, scienza o arte che consideri l’essere umano come una totalità di corpo, mente e anima, può considerarsi olistica.Parallelamente all’ecologia, che s’interessa della salute globale dell’ecosistema Terra, la medicina olistica s’interessa della salute globale dell’essere umano.

fitnessPrendersi cura di se stessi diventa la somma di molteplici azioni: alimentarsi in modo più naturale e meno inquinato, purificare le proprie emozioni e i pensieri negativi, comprendere le ragioni profonde delle proprie azioni e, infine, evolversi umanamente e spiritualmente. Rifacendosi all’esempio di una natura capace di offrire un potenziale rimedio a ogni esigenza umana, BeC, inizialmente inspirata alla medicina tradizionale orientale, cerca di coniugare le antiche tradizioni erboristiche con la moderna ricerca scientifica nello sforzo costante di cogliere il meglio per ottenere risultati sinergici.

Tutti gli integratori alimentari BeC, in linea con una visione olistica, sono concepiti per il benessere globale dell’individuo, e non per risolvere solamente una singola esigenza. Tutti i nostri organi, infatti, sono collegati tra loro e sarebbe pertanto approssimativo agire solo su un singolo aspetto trascurando il “contorno”.  Per questo tutti i nostri integratori sono composti da miscele complete e ben equilibrate in modo da offrire il massimo grado di biodisponibilità dei nutrienti contenuti, ottimizzando in tal modo l’efficacia e il valore nutrizionale. Grazie alla loro particolare composizione, possono essere utilizzati da persone che seguono diverse tipologie di alimentazione quali: vegetariana, vegan, a basso contenuto di colesterolo e di grassi saturi, a basso contenuto di sodio e a basso contenuto di zuccheri raffinati. Per mantenere un buono stato di salute è necessario, infatti, prendersi cura del proprio “io” a 360 gradi, non solo attraverso l’esercizio fisico e una dieta equilibrata, che bilancia soprattutto i macronutrienti (proteine, carboidrati e grassi), ma anche integrando con prodotti a base di micronutrienti, come vitamine e sali minerali, che sono indispensabili per il benessere del nostro organismo e che purtroppo, sempre più frequentemente sono carenti a causa dell’inquinamento, dell’errata conservazione o di una cottura prolungata degli alimenti.

Problemi di ritenzione idrica? Depuriamoci naturalmente!

Spesso ci capita di avere le gambe gonfie, con sensazione di stanchezza, formicolii e ritenzione idrica. Si tratta di un problema molto diffuso per entrambi i sessi, che oltre ad essere antiestetico, può essere causa di numerosi fastidi. Le cause di questa ritenzione di liquidi nei tessuti possono essere tante: molte ore di lavoro in piedi, uno stile di vita sedentario, il consumo eccessivo di sale, problemi renali, scarpe scomode, eccessivo accumulo di tossine, il consumo di farmaci…

depurplus_collageSi possono però adottare alcuni accorgimenti per attenuare il problema. In estate, ad esempio, con il caldo, si possono utilizzare getti di acqua fredda sotto la doccia o fare un pediluvio, entrambi i trattamenti riattivano la circolazione, il cui rallentamento è collegato alla ritenzione idrica e al gonfiore. Altri consigli possono essere quello di fare massaggi drenanti e attività fisica costante, ma non si può pensare di affrontare questo tema senza partire da una corretta alimentazione. Prima di tutto si può cominciare bevendo molta acqua e proteggendo la funzionalità degli arti inferiori attraverso l’assunzione di principi attivi antiossidanti, come le vitamine C ed E, i minerali Zinco e Rame e i flavonoidi del Mirtillo rosso (Cranberry).

Molto utile può essere l’assunzione di un rimedio naturale come l’integratore alimentare Depur plus, che, oltre a contenere i componenti già evidenziati, è stato pensato per favorire la fisiologica attività dell’apparato urinario, la cui funzione principale è quella di eliminare le scorie derivanti da processi metabolici, oltre a mantenere il bilancio idrico e ionico dell’organismo.

I principi attivi di Mirtillo rosso svolgono una funzione protettiva, riducendo i processi infiammatori e mantenendo la buona salute dei reni, anche attraverso un’azione protettiva nei confronti delle infezioni.[1] Questa attività è supportata anche dalla Betulla, pianta contenente salicilati naturali e dalle proprietà antiossidanti,[2]  e dagli oli essenziali di Carvi, Cajeput e Ginepro.

Depur PlusPer favorire la funzione renale e la depurazione sono presenti diversi estratti vegetali, ai quali sono riconosciute proprietà diuretiche: la Solidago o Verga d’oro, l’Ortosifon, la Pilosella e il Tarassaco, che favoriscono il drenaggio dei liquidi corporei e la funzione urinaria, contribuendo alla riduzione del ristagno di liquidi. Il tarassaco apporta, in più, proprietà coleretiche, stimolanti la digestione e depurative, utili nei momenti in cui è necessaria una detossificazione.

L’Equiseto, pianta erbacea nota fin dall’antichità per i suoi effetti diuretici, è conosciuta per la particolare caratteristica di essere una delle piante più antiche, capace di accumulare minerali, tra cui il Silicio, nei suoi tessuti a protezione dagli attacchi da parte di agenti patogeni. Grazie a questa proprietà remineralizzante, l’Equiseto è stato a lungo impiegato nella medicina tradizionale per vari tipi di problemi, tra cui quelli ossei[3] ed è indicato come drenante, che non interferisce con le ‘riserve di minerali’ del nostro corpo.

Depur plus si prende cura del benessere del nostro corpo, proteggendo e favorendo la corretta funzione renale e può essere “il nostro alleato di bellezza” contro la ritenzione idrica e gli inestetismi della cellulite; può essere abbinato a trattamenti estetici, per raggiungere risultati ancora più soddisfacenti!!

[1] Maki KC et al Consumption of a cranberry juice beverage lowered the number of clinical urinary tract infection episodes in women with a recent history of urinary tract infection Am J Clin Nutr. 2016; 103(6):1434-42.
[2] Raudonė L et al. Quality evaluation of different preparations of dry extracts of birch (Betula pendula Roth) leaves  Nat Prod Res. 2014; 28(19):1645-8.
[3] Costa-Rodrigues J et al Inhibition of human in vitro osteoclastogenesis by Equisetum arvense Cell Prolif. 2012; 45(6): 566-76.

Stanchi e stressati con l’arrivo della primavera? Ritroviamo forza ed energie nella Natura!

Tutti aspettiamo la bella stagione, per poter godere delle giornate più lunghe e del piacere del sole, ma con l’arrivo del bel tempo potrebbero arrivare anche sensazione di stanchezza, sonnolenza, irritabilità, spossatezza, difficoltà di concentrazione: “malesseri” tipici del periodo. Se il problema non ha cause organiche ed è legato alla primavera, si può cercare l’aiuto in integratori ricchi di oligo-elementi ed estratti vegetali titolati, per garantire al corpo la giusta carica quotidiana ed il corretto apporto nutrizionale. L’integratore non è pensato per sostituire una corretta alimentazione, ma per contribuire al giusto equilibrio di quei nutrienti, che possono talvolta essere carenti o di cui, in particolari periodi, abbiamo maggiore necessità. L’integratore insomma può aiutarci a vivere meglio!

vitalmenteVital Mente, grazie alla sua composizione, è indicato per gli stati di affaticamento mentale e psico-fisico e per favorire il microcircolo periferico ed è quindi particolarmente adatto per questo periodo dell’anno. Può essere un valido aiuto in caso di stanchezza, legata al cambio di stagione o a ritmi di lavoro intensi, o un alleato per tutti gli studenti che, in vista delle ultime interrogazioni dell’anno scolastico o in prossimità degli esami, pensano di avere come punto debole la difficoltà di memorizzare.

Secondo la tradizione erboristica sono numerose le piante che agiscono come efficaci rimedi anti-stanchezza. Prime fra tutte il Ginseng, pianta utilizzata da sempre nella medicina orientale per la capacità di “rinvigorire il corpo e la mente”, di aumentare la forza fisica e prevenire l’invecchiamento. Queste proprietà sono confermate oggi anche dalla ricerca moderna, che riconosce al Ginseng un’attività stimolante sulla funzione cerebrale, con un aumento della capacità di apprendimento e una riduzione della perdita di memoria[1]. La capacità di sopportare meglio la fatica e di rispondere in modo positivo ad uno stress è alla base dell’attività delle piante definite “adattogene”, tra cui anche l’Eleuterocco, o Ginseng siberiano, per il quale  gli studi confermano la capacità di sostenere le funzioni cognitive e la memoria[2]. L’Eleuterococco svolge l’azione in sinergia con Ginkgo biloba e Centella asiatica, studiate per la capacità di proteggere la funzione cerebrale, anche nei casi legati all’invecchiamento[3]. La vitamina C e la vitamina E, insieme a Zinco e Selenio, proteggono le cellule dallo “stress ossidativo”, contribuendo al mantenimento delle difese immunitarie. I principi attivi del Mirtillo riducono la sensazione di pesantezza alle gambe insieme alla Centella asiatica e proteggono le funzioni visive, in sinergia con Gingko biloba[4] e Zinco.

vitalmentePer affrontare gli stati di stanchezza o la ridotta capacità di concentrazione sono fondamentali le vitamine e i sali minerali: in particolare le vitamine del gruppo B, contenute interamente nell’integratore Vital Mente possono aiutarci perché contribuiscono a ridurre la sensazione di affaticamento, attraverso la regolazione dei meccanismi che portano ad un migliore utilizzo dei macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi), favoriscono cioè la conversione degli alimenti in energia. Svolgono anche un’azione protettiva sulle funzioni del sistema nervoso, insieme a minerali come magnesio, rame e zinco, che intervengono anche sulla funzione cognitiva, cioè la capacità di apprendere ed elaborare.

Possiamo quindi affrontare serenamente i periodi di stanchezza o stress e lo studio più intenso, sapendo di poter contare sulla “collaborazione” di un prezioso alleato!

[1] Kwang-tae Choi, Botanical characteristics, pharmacological effects and medicinal components of Korean Panax ginseng C A Meyer Acta Pharmacol Sin 2008; 29 (9): 1109–1118
[2] Panossian A, Wikman G, Evidence-based efficacy of adaptogens in fatigue, and molecular mechanisms related to their stress-protective activity Curr Clin Pharmacol. 2009; 4(3): 198-219.
[3] Howes MJ, Houghton PJ, Ethnobotanical treatment strategies against Alzheimer’s disease. Curr Alzheimer Res. 2012; 9(1):67-85.
[4] Seong Hee Shim, et al Ginkgo biloba extract and Bilberry anthocyanins improve visual function in patients with normal tension glaucoma J Med Food 2012; 15 (9): 818–823